Uncategorized

La meditazione dell’abbraccio

L’abbraccio è un gesto che può cambiare la vita. Ci riporta al momento presente, al “qui e ora”. La nostra mente tende ad essere sempre altrove fuorché nell’attimo in cui stiamo vivendo. E’ normale che sia così, ma possiamo imparare ad educarla, anche grazie alla meditazione dell’abbraccio.

Chi medita utilizzando un mantra sa bene che la mente ha sempre bisogno di un oggetto su cui concentrarsi e di cui nutrirsi e proprio il mantra in questo aspetto rappresenta un aiuto fondamentale e una risorsa preziosa. Nel caso della meditazione dell’abbraccio il fulcro della concentrazione siamo noi stessi e la persona che è qui con noi in questo momento.

Qual è il modo più semplice per avvicinare una persona al presente? Scopriamo come eseguire la meditazione dell’abbraccio per vivere insieme qualche attimo di consapevolezza. Noi esistiamo in questo momento e anche la persona che abbiamo accanto esiste.

Se volete riappacificarvi con una persona, se vi piacerebbe comprendere meglio le sue emozioni, se volete dimostrare la felicità di essere insieme in un determinato momento, provate a sperimentare la meditazione dell’abbraccio.

Che cosa succede quando ci abbracciamo? I nostri cuori entrano in contatto, facendoci sentire di non essere separati. Abbracciarsi con profonda consapevolezza e concentrazione può generare riconciliazione, guarigione, comprensione e molta felicità.

Per quanto riguarda la meditazione dell’abbraccio, Thich Nhat Hanh suggerisce la pratica dell’abbraccio consapevole.

Con chi praticare la meditazione dell’abbraccio?

Come spiega lo stesso Thay ne “Il canto del cuore”, potete praticare la meditazione dell’abbraccio con un amico, un figlio, i genitori, la vostra compagna o anche un albero.

Seguite questi semplici 6 passi per praticare la meditazione dell’abbraccio.

1.  Prima di tutto inchinatevi e prendete atto della rispettiva presenza.
2. Poi respirate tre volte in consapevolezza e a fondo per portarvi pienamente nel momento presente.
3. Quindi potete iniziare ad abbracciarvi, tenendovi fra le braccia per tre respiri completi.
4. Con il primo respiro, prendete consapevolezza di essere lì presenti in quel preciso momento e di sentirvi felici per questo.
5. Con il secondo respiro, prendete consapevolezza che l’altra persone è lì presente in quel momento, e a sua volta si sente felice.
6. Con il terzo respiro, prendete consapevolezza di essere lì insieme, proprio nello stesso momento, su questa Terra.

L’abbraccio è una delle forme di contatto più profonde che possiamo avere con una persona e non solo. Chi ha provato almeno una volta nella vita ad abbracciare un albero sa quanto un gesto così semplice possa portarci ad una profonda connessione con la natura.

Non dimenticate di abbracciare i vostri figli. La psicoterapeuta statunitense Virginia Satir diceva:

“Ci servono 4 abbracci al giorno per sopravvivere. Ci servono 8 abbracci al giorno per mantenerci in salute. Ci servono 12 abbracci al giorno per crescere”.

Sosteneva che, se il bambino piange, non c’è nulla di più efficace di un abbraccio per calmarlo. Solo l’abbraccio della mamma può calmare realmente il neonato.

meditazione abbraccio

Sia i bambini che le persone adulte potrebbero avere bisogno di un abbraccio. Dunque, non siate avari rispetto a questo gesto. E, al momento giusto, provate ad insegnare la meditazione dell’abbraccio alle persone che vi sono vicine.

Marta Albè

 

4 thoughts on “La meditazione dell’abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...