vita

Terremoto e coscienza collettiva

Siamo tutti collegati, è evidente. E’ come se una forza interiore stesse muovendo il nostro animo e le nostre azioni verso gli altri. Ci sentiamo coinvolti nel terremoto e nel dolore di chi ha perso tutto, compresi gli amici, la famiglia e le persone care, anche se viviamo lontano da quei luoghi.

L’Italia sta dando un esempio straordinario nel voler offrire aiuto a chi si trova in difficoltà a causa del sisma. Le iniziative di solidarietà si moltiplicano giorno dopo giorno e l’importante sarà non dimenticare e continuare a stare vicino a chi soffre perché possa ricominciare una nuova vita.

I terremoti danno una scossa all’esistenza di tutte le persone sensibili, anche quando non sono coinvolte direttamente nel dramma. Le smuovono, le spingono ad agire, le risvegliano dalla staticità che a volte rischia di tenerle troppo legate alla routine della vita quotidiana.

Non bastano le parole per provare a consolare chi sta vivendo una tragedia. Forse le parole giuste non esistono nemmeno, servono le azioni.

Ho sentito ai telegiornali parole che sembrano slogan o spot pubblicitari, sulla scia del “ricostruiremo tutto subito”.

Preferirei sentire parole un po’ diverse, come “ricostruiremo tutto a regola d’arte, dove sarà possibile, dopo attente verifiche, e daremo subito una casa a chi non ne ha più una, magari sarà altrove ma in un luogo più sicuro”.

Chi ha perso tutto non ha bisogno di false promesse.

Alcuni amici che vivono nelle regioni dove si trovano le località colpite direttamente dal sisma hanno passato la notte in strada e hanno avuto molta paura. Situazioni come queste mi straziano il cuore.

Qui nei dintorni di Milano l’eco delle scosse di terremoto non è arrivato ma mi sono svegliata nel cuore della notte del 24 agosto con il gatto che miagolava in continuazione vicino a me sul letto senza un apparente motivo. E’ noto che gli animali riescano a percepire in anticipo l’arrivo dei terremoti e che possano dare segni di irrequietezza anche a chilometri di distanza.

Carl Gustav Jung diceva:

“Come oltre l’individuo esiste una società, così oltre la nostra psiche personale esiste una psiche collettiva, l’inconscio collettivo, che cela parimenti in sé grandi attrattive”.

La scienza sta iniziando a capire che più persone possono provare lo stesso stato di coscienza e le stesse emozioni in circostanze particolari, ad esempio durante grandi tragedie (terremoti, tsunami, attacchi terroristici…) o grandi celebrazioni, vedi il Global Consciousness Project.

terremoto riflessioni

Se siamo già tutti collegati, formare una forte rete di solidarietà diventa più semplice.

Siamo tutti Uno e ciascuno nel proprio piccolo può provare a dare supporto a chi sta soffrendo.

Il Comune di Milano ha organizzato dei punti di raccolta di beni di prima necessità – in particolare prodotti per l’igiene personale e specifici per i bambini – nella giornate del 27-28 agosto.

Il Ministero della Cultura ha deciso di devolvere l’incasso di domenica 28 agosto dei musei statali di tutta Italia alle aree terremotate e il Comune di Milano ha pensato di estendere l’iniziativa anche ai musei civici del capoluogo lombardo, tra cui il Museo Civico di Storia Naturale.

L’associazione Amurt Italia Onlus ha organizzato un punto di raccolta di beni di prima necessità e si occuperà di finanziare la ricostruzione grazie alle donazioni di tutti, pagando direttamente le fatture ai costruttori, senza intermediari.

So che ognuno nel proprio cuore troverà il modo giusto per non restare indifferente.

Marta Albè

marta.albe@yahoo.it

Photo: Pixabay

2 thoughts on “Terremoto e coscienza collettiva

  1. Verissimo …esattamente ciò a cui penso in molti momenti della giornata con tanta angoscia ed un peso al petto..tendo ad immedesimarmi molto in ognuna di quelle terribili situazioni..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...