Il diario della gratitudine 

Il diario della gratitudine, o Gratitude Journal, è un potente strumento di felicità. Lo è davvero molto per me perché alla fine della giornata scrivere una frase di gratitudine mi fa ricordare delle cose belle della vita, anche quando capita un giorno ‘no’.

La magia del diario della gratitudine è quella di farti trovare almeno una piccola cosa per dire il tuo grazie alla vita alla fine di ogni giornata, della più spensierata o della più faticosa.

Trovare un elemento di bellezza e felicità ogni giorno ti dà davvero una marcia in più perché ti fa uscire da quel vortice negativo che di tanto in tanto ti trascina via dal tuo centro di equilibrio e di tranquillità.

Il diario della gratitudine presenta un grandissimo vantaggio: lo puoi scrivere davvero tutti i giorni anche se hai poco tempo.

Questo perché nessuno ti chiederà mai di scrivere pagine e pagine di diario ricche di dettagli come facevi da adolescente (anche se lo puoi fare ancora se vuoi perché è davvero terapeutico).

Nel diario della gratitudine infatti basta individuare almeno un focus di felicità per ogni giorno e prenderne nota per non dimenticarlo.

Sì perché secondo me il problema è solo uno: spesso tendiamo a ricordare meglio ciò che ci fa soffrire rispetto a ciò che ci rende felici.

Forse per una forma di difesa? Potrebbe essere, ma è davvero triste che passino gli anni e che i piccoli momenti di gioia cadano nel dimenticatoio. Perché magari ricordiamo bene i grandi avvenimenti (lauree, viaggi, nascite, matrimoni…) ma le piccole gioie della vita di ogni giorno che fine fanno?

E a un certo punto l’umore va giù e ti sembra di non avere nessun motivo per cui ringraziare la vita in questo momento o addirittura di non averne avuto mai nemmeno uno.

white blank notebook

Non può essere vero ed è proprio per questo che iniziare a scrivere un diario della gratitudine è l’esercizio che fa per te.

  • Scegli il quaderno o l’agenda più belli che hai a disposizione o compra un quaderno/diario nuovo che dovrai usare solo come diario della gratitudine.
  • Ritagliati 10-15 minuti ogni sera prima di andare a dormire per scrivere almeno una frase sul tuo diario della gratitudine.
  • Per dare l’input ai tuoi pensieri puoi iniziare la frase così: “Oggi ringrazio la vita perché…”, oppure “Oggi mi ringrazio perché…”, “Oggi ringrazio questa persona perché…”. Puoi inventare tu la formula che preferisci, che ti aiuta meglio ad esprimerti e a trovare motivi per ringraziare.
  • Quando scrivi la tua frase di gratitudine cerca di farlo sempre in modo molto specifico perché se la tua frase risulterà troppo generica, a distanza di tempo non riuscirai a ricollegare bene alla tua vita quel bel momento vissuto. Quindi, anche rispettando una certa brevità se lo preferisci, non dimenticare i dettagli.
  • Impegnati a scrivere regolarmente, tutte le sere. Ti serviranno circa 30 giorni per rendere il diario della gratitudine un’abitudine e soprattutto uno dei momenti più rilassanti della tua giornata. Quindi proponiti di impegnarti per un mese e di continuare poi.
  • Alla fine di ogni settimana vai a rileggere le giornate precedenti con tutte le tue frasi e cerca di fissare nella memoria i tuoi ricordi più belli. Così anche in un momento difficile ritroverai le tue motivazioni per essere grata alla vita, a te stessa e agli altri.
  • Ti consiglio di non appiattire mai lo stile del tuo diario della gratitudine. Cerca di mantenere la tua scrittura allegra e frizzante. 
  • Ricorda di enfatizzare le giornate molto positive. Se hai ricevuto una fantastica sorpresa, ringrazia come se si trattasse del giorno più bello della tua vita.

Ho ancora qualche suggerimento e qualche parola da dedicarti dopo i punti principali sul diario della gratitudine che ti ho indicato poco sopra.

LEGGI: Il barattolo della gratitudine

Ti suggerisco di scrivere il tuo diario della gratitudine a mano e di evitare di creare un file online o sullo smartphone. Questo perché scrivere a mano ti rende più creativa, meno schematica e soprattutto non legata alla tecnologia quando questa per un motivo o per l’altro non dovesse essere a disposizione.

Scegli un diario della gratitudine in un formato comodo da portare con te in viaggi e spostamenti. Se proprio lo dimentichi a casa, procurati un foglio e una penna per scrivere: gli appunti mentali si perdono troppo facilmente.

Infine, nel tuo diario della gratitudine metti sempre al centro le emozioni: sono il sale della vita.


Hai già iniziato a scrivere il tuo diario della gratitudine?

Se questo post ti è piaciuto, condividilo con una persona a cui può essere utile.


TI CONSIGLIO UN LIBRO: Il cibo della gratitudine (Terra Nuova Edizioni)

Marta Albè

marta.albe@yahoo.it

4 pensieri su “Il diario della gratitudine 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.